giovedì 14 giugno 2012

Canta che ti passa

So che è una cazzata. Lo so. Però l'oroscopo lo leggo, è più forte di me.
Quello di Robert Brezsny, del settimanale Internazionale, per intenderci, è il mio preferito in assoluto.
Più che essere una "lettura degli astri", sono i consigli spassionati di un mezzo pazzo santone-dandy-alternativo e, non so perché, ma ci becca. Eccome se ci becca.

"Il dolore che proverai la prossima settimana sarà direttamente proporzionale all’amore represso e trattenuto. Perciò se lascerai che il tuo amore scorra liberamente come un ruscello di montagna durante un temporale, forse non dovrai affrontare nessun dolore. Dici che esprimere in modo strategico il tuo affetto ti fa sentire più forte e meno indifeso? In altre occasioni sarà anche vero, ma non adesso. Incondizionato e disinibito devono essere le tue parole d’ordine.", disse la scorsa settimana.

Amore represso e trattenuto non so, Brezsny mio caro. Sicuramente è stata una di quelle settimane da eliminare dalla memoria tramite elettroshock, lobotomia e gocce di tranquillanti inserite abbondantemente in ogni orifizio.
La settimana da lui descritta, grazie al cielo, si conclude oggi e la mia personalissima scelta è stata quella di affrontare il dolore.
Come?
Canta che ti passa!

E fu così che, per esorcizzare, mi immersi in un'ardua camminata, sfidando l'intemperia che da giorni non lascia tregua alle colline parmensi, sicura che affrontare il vento contrario fosse la giusta metafora della vita da portare a compimento senza cedimenti.
Senza dimenticare il lettore mp3 (ovviamente non sono così avanti da avere l'ipod) che aveva il consueto compito di fare da giusta colonna sonora. È che guardo troppi film, sì.
Quindi mezza lacrimuccia durante il ritornello di I try dei Frameless, canzone che avevo quasi lasciato cadere nel dimenticatoio e riemersa grazie alla riproduzione casuale, coreografie improvvisate e performance liriche inarrivabili  per La terra dei cachi, gli LFMAO e... Sì, lei. Quella bruttona della Gaga che però l'ha imbroccata non giusta, giustissima.
Quindi non mi sono improvvisata passeggiatrice agghindata con borchie e calze a rete, ma nemmeno mi sono risparmiata in quanto a scimmiottamenti, credendo di essere da sola.
Credendo, appunto.
Che lo dico a fare che all'ultimo assolo di Born this way sono stata poi sorpassata da un gruppo di corridori super fisicati che hanno trattenuto a stento le risate, vergognandosi per me come quando guardi La Corrida?

8 commenti:

  1. Ma che spettacolare oroscopo! Il mio per la settimana in arrivo è incoraggiante :)
    Ah, Gaga, Gaga... adorazione infinita. Peccato per i corridori fisicati che non erano travolti dalla magia del pop!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I corridori più che altro erano impegnati a trattenere l'ilarità generale! Comunque anche il mio nuovo oroscopo è piuttosto incoraggiante :)

      Elimina
  2. Per un attimo la vista mi si è incrociata e avevo letto Walk This Way ( Aereosmith ).Poi, ho preso atto che invece era una mezza ciofeca.Siam messi male a mp3 :)Però, la corsa contro il vento resta suggestiva.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah eccolo il mio ispettore musicale preferito ;) lo so che per i tuoi canoni musicali è un oltraggio al pudore, ma dovresti provare a sgambettare con Gaga!

      Elimina
  3. però guarda che è un gran merito, saper donare allegria agli altri :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No quel tipo di giullari sono alla corte del tuo concittadino, nonché ex premier ;)

      Elimina