domenica 29 luglio 2012

Professione: stripper

Stamattina, durante la colazione, leggevo un'intervista a Matthew McConaughey, attore statunitense indimenticabile non tanto per le doti recitative, quanto per il fisico a dir poco statuario. 
Il suo ultimo film in uscita, Magic Mike, lo vede nei panni del proprietario di un club di strip tease maschile.
E io, da brava femmina Omega quale sono, non mi sono soffermata tanto a pensare alla (peraltro giustissima) mercificazione del corpo maschile, o a come sarebbe far serata in un posto simile, quanto al fatto che lo stripper maschile parte sempre (poco) abbigliato in un certo qual modo, per lo più con una divisa che rimanda a determinate professioni, vedi poliziotto, pompiere, militare, fruttarolo, sportivo, addirittura agente di borsa o, perché no, Tarzan.
Questa è l'ennesima dimostrazione che per eccitare una donna è prima di tutto necessario stimolarne la fantasia, per quanto discutibile possa essere.
Mi sono quindi ritrovata a pensare quali siano le professioni che esercitano su di me quella particolare fascinazione capace di stimolare la libido.

Si aggiudica il 5° posto... Il calciatore: loro, il nazional cliché dell'uomo che non deve chiedere mai. E' vero, magari dal punto di vista intellettuale non sempre regala grandi soddisfazioni, ma quella loro falcata alla Mezzogiorno di fuoco non può lasciare indifferenti, soprattutto se supportata da glutei degni di nota. 


Al 4° posto... Il pompiere: sono consapevole del fatto che, nella realtà e nella maggior parte dei casi, i veri vigili del fuoco nemmeno si avvicinano al prototipo che popola l'immaginario femminile ma tant'è... Il fascino della divisa catarifrangente ha sempre un certo ascendente. 

Al 3° posto... Il fotografo: quelli bravi eh. Quelli capaci di far venire i brividi con un solo clic. Hanno sempre quell'aria così distaccata e sostenuta, come se il mondo fosse ai loro piedi, come se l'umanità aspettasse a bocca aperta lo scatto rivelatore, l'istantanea che tradisce il senso della vita. Quella roba lì, insomma. Ma io sono di parte, passo la vita in simbiosi con alcuni di loro.

In testa alla classifica, pari merito o quasi... Il veterinario e, neanche a dirlo, Colui-che-fa-il-mio-stesso-mestiere.
Il primo è una tenerezza infinita, con quel suo camice verde e il sorrisone pronto a confortare qualsiasi madre in apprensione per la propria creatura pelosa (il mio gatto in questi giorni ha mal di gola ed è afono. Uno strazio).
Il secondo, per ragioni convalidate da esperienze personali disastrose, è da schivare come tombini aperti e maleodoranti. E lo consiglio a tuttissime: NO, I GIORNALISTI NO. Sono persone con un ego spropositato, sfuggenti, ambigui, incostanti e perennemente indecisi. 


20 commenti:

  1. Ecco..sai che mi hai dato da pensare con questo post..il fatto è che su di me esercitano un certo fascino gli intellettuali, gli artisti, quelli che staresti per ore ad ascoltare, quelli che sprizzano cultura da tutti i pori..mi vanno bene gli artisti che operano in tutti i campi : scrittori, musicisti, compositori, fotografi, pittori...e un posticino lo lascerei anche ai calciatori..perchè no, magari uno quanto meno diplomato lo si trova :D ...il fatto è che a me, di un uomo, piace il cervello, e a pari merito mani-occhi-bocca..il resto non so..pereferirei che fosse normo-peso..poi dipende..se è del tipo "una botta e via"..il caro Matthew..o qualcosa di simile sarebbe perfetto :D !

    RispondiElimina
  2. stavo pensando che io non ce l'ho una "classifica" delle top 5 professioni dell'uomo libido. ho delle caratteristiche imprenscindibili ma nessuna classifica.. deve saper parlare l'italiano senza sbagliare congiuntivi e/o usare parole a caso solo perchè fa figo, deve avere degli occhioni-oni e delle mani grandi. e poi deve saper ridere anche delle cose stupide, stupirsi della semplicità. forse però è talmente introvabile che il calciatore analfabeta con la falcata da mezzogiorno di fuoco è più fattibile :D

    RispondiElimina
  3. il veterinario non l'avevo mai sentito :)
    il lavoro non saprei ma come mi agita l'uomo in giacca e cravatta, niente al mondo... :)

    RispondiElimina
  4. Per fotografo intendi più il reporter di guerra o quello stile da matrimonio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più il reporter... Però se uno da matrimonio è braverrimo e non fa foto tristi, perché no? Ecco, dico no al paparazzo. Ci vuole una certa onestà intellettuale.

      Elimina
  5. Per me i giornalisti sanno di stantio... hai ragione è meglio evitarli!
    Molto meglio i medici, anche se non sono un granché affidabili!

    p.s.: si scrive stripper! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oddeo grazie! provvedo subito :)
      i medici?? mah... hanno sempre quell'aria un po' perfettina...

      Elimina
  6. Il tuo blog è uno dei più interessanti visti fin'ora :) In particolare adoro questo post (chissà perchè:)) ciao NIna

    RispondiElimina
  7. Vabbè col veterinario sei riuscita ad intristirmi.
    Resta il fatto che hai scritto un post fantastico. Finora il mio preferito insieme aquello in cui mi citi.

    Critiche: nella top(o) 5 non hai messo Il Banale. Male. Molto male.
    non sai quanti richiedono la mia maschera per gli spettacolini.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah me lo immagino... Però quali sono le movenze de Il Banale? Ovvero, come si presenta in scena? Ancheggiando? Già nudo? Sbeffeggiando a caso tra il pubblico? Non so... Non ho le basi per affrontare la questione.
      Il veterinaIO, invece, è una figura professionale direi rassicurante e virile. Ecco.

      Elimina
  8. Potevi fare questo post qualche mesi prima, così evitavo:
    uscite,
    fisime mentali,
    delusioni
    con un giornalista!!!!

    Elisabetta ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A nome di tutta la categoria, nonché in qualità di frequentatrice seriale di giornalisti: mi dispiace. Davvero. Posso solo dirti che sei sopravvissuta a questo, puoi tutto. Ti abbraccio sorella.

      Elimina
  9. io al primo posto metto l'ufficiale del Carabinieri... a me tutto quell'argento mi provoca pensieri impuri!! certo dev'essere pure bello, mica mi accontento di uno qualsiasi...poi ci sono i vigili del fuoco...hai perfettamente ragione...quel senso di sicurezza, di protezione...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Essì, my dear... E' l'immancabile fascino della divisa!

      Elimina
  10. Sì, l'ego dei giornalisti.... Ma della superbia e della doppia faccia di certe giornaliste, ne vogliamo parlare?!?

    RispondiElimina