venerdì 24 agosto 2012

17) Il personaggio che vorresti impersonare per un giorno

Ho sempre desiderato essere lui, anche se fin da bambina aspettavo con impazienza l'età adulta: l'eterno bambino impavido, temerario, svolazzante, temuto e rispettato da tutta l'Isola, è sempre stato l'eroe che mi ha fatto sognare ad occhi aperti.

Perché sei scappato? chiede Wendy a Peter.
Perché ho sentito papà e mamma parlare di quello che sarei dovuto diventare quando fossi stato uomo.

Dimenticando l'aura edulcorata che ha ricamato la Disney, Peter Pan è uno dei personaggi meglio riusciti della storia della letteratura: il testo teatrale originale è quanto mai profondo e rivela tutt'altro intento dell'autore. 
Lontano dallo stereotipo della favola per bambini, Peter non è un buffo ragazzetto dispettoso, bensì una figura dal fascino ambiguo e inquietante: è un complesso miscuglio di istinto primordiale, ironia e carica demoniaca. E' presuntuoso, beffardo, capriccioso e, tuttavia, fragile. Condensa in sé tutto il senso di inadeguatezza di chiunque si senta sempre un po' distante e impreparato a ciò che la società impone ed esige.
"Non vi traspare il demone che è in Peter!" disse James Matthew Barrie vedendo la statua ancora oggi meta di innumerevoli visite all'interno dei giardini londinesi di Kensington.

Forse tutti noi saremmo in grado di volare se fossimo assolutamente certi della nostra capacità di farlo come l'ebbe, quella sera, il coraggioso Peter.


10 commenti:

  1. Premetto che non l'ho letto. L'ultima frase che hai scritto, sul saper volare come peter, si riferisce al fatto di fuggire dalla realtà, da un mondo a noi inadeguato i cui panni ci stanno stretti?

    Elisabetta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti, credo che sia proprio questo che JMB intendeva dire: volare come metafora del non giungere a compromessi nell'età adulta. :)

      Elimina
    2. Non giungere a compromessi nell'età adulta. Mi piace questa visione e la condivido. "ho sentito papà e mamma parlare di quello che sarei dovuto diventare quando fossi stato uomo" sembrava che il fanciullo non volesse affrontare la vita e gli ostacoli che essa pone nel cammino. E così ha preferito scegliere la strada più semplice: fuggire. Invece no, non bisogna adeguarsi ai canoni che questa frivola società impone, ma plasmarmi secondo il nostro modo di vivere. E personalmente, anche io in certi momenti mi sento inadeguata confrontandomi con le diverse realtà. mi creerò la mia isola che non c'è ;)

      Elimina
  2. Consigliatissimo, c'è pure un'edizione economicissima della Newton Classici!

    RispondiElimina
  3. L'ultima frase è bellssima... non l'ho mai letto... ma provvederò presto!

    RispondiElimina
  4. Caspita... sai che non l'ho mai letto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so, è un po' trascurato come lettura, anche perché si tende a considerarlo un libro per bambini. In realtà è un tuffo nell'ignoto. Consiglio pure a te l'edizione della Newton Classici, così, se non piace, almeno non vi ho truffato (troppo) :D

      Elimina
  5. Anche io adoro Peter, da sempre e incodizionatamente... ti consiglio la versione a fumetto di Loisel, un piccolo capolavoro :)

    RispondiElimina