sabato 11 agosto 2012

19) Un libro il cui film ti ha deluso

AAAAARGGH!! Tutti, cazzo! TUTTI!
Ci pensavo giusto ieri sera quando, dopo aver consigliato un libro a un'amica, mi ha risposto: "Ah ma di quello ho già visto il film..." con tono evidentemente imbarazzato, non so se dovuto al fatto di aver visto il film prima di aver letto il libro o solo perché non voleva farmi pesare l'indegno suggerimento.

Parlo di Un giorno questo dolore ti sarà utile, piccolo capolavoro di Peter Cameron, miseramente maciullato dal lungometraggio diretto da un italiano con evidenti pretese fuori dalla portata del proprio, diciamo, estro.
Quello che proprio non sopporto, nei film tratti da libri, sono le aggiunte di parti inesistenti, come se regista e sceneggiatore si sentissero in dovere di sistemare un'opera che non gli appartiene, così, solo per sentirla più loro, come una madre che pettina il ciuffo ribelle del figlio.
Io credo che se lo scrittore avesse voluto inserire una variazione alla trama l'avrebbe fatto, no? Tu, che compri i diritti d'autore, chi cazzo ti credi di essere per decidere di aggiungere una fottutissima scena stronza di cui nessuno, ma proprio nessuno, sentiva l'esigenza?
Ovviamente, anche in questo film non mancano indebite aggiunte, oltre al fatto che alcune scelte interne al cast distruggono rovinosamente le fantasie scaturite dall'opera cartacea.
A me verrebbe proprio voglia di andare a casa del tal Roberto Faenza, suonare il campanello, mollargli un ceffone preventivo e obbligarlo a rimborsarmi almeno il prezzo del biglietto e della Schweppes al limone.

18 commenti:

  1. hai perfettamente ragione! :))

    RispondiElimina
  2. Assolutamente d'accordo...:) ma quanta veemenza :)

    RispondiElimina
  3. Mi hanno sempre delusa, tant'è che ora sono molto restia nell'andare a vedere i film tratti dai libri, in particolare se i libri mi sono piaciuti molto..ma che bisogno c'è di stravolgere???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, infatti. Hai ragione. Bisogna smettere di andarli a vedere!

      Elimina
  4. Non l'ho letto non l'ho letto non l'ho lettooooooooooo! :D
    E, fortunatamente, non ho visto neanche il film.
    Però il libro lo voglio, adesso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono certa che lo amerai! PErò cerca l'edizione con la vecchia copertina, quella che ho usato io nel post qua sopra! Ovviamente nella nuova edizione hanno usato una scena del film. Maledetti porci.

      Elimina
    2. Stai dicendo che, ristampando il libro, hanno aggiunto
      una scena che nell'opera originale non c'è ?
      Non ci posso credere, dai! :(

      MA SIAMO SCEMI ?

      Elimina
    3. No, nel film hanno aggiunto scene inesistenti! E, purtroppo, nelle ristampe del libro hanno messo una copertina nuova con l'immagine del protagonista. Cosa che detesto. Ah e Bel Ami è uno dei miei libri preferiti. Ovviamente mi sono rifiutata di vedere lo scempio fatto dal film :)

      Elimina
  5. Questo libro mi ispira,
    credo che lo leggerò ma non guarderò il film.

    Hai presente Bel-Ami ? Di Maupassant.
    Ecco, ho letto il libro e il film con Pattinson
    MI SONO ALTAMENTE RIFIUTATA DI ANDARLO A VEDERE.

    Ti seguo. :)

    RispondiElimina
  6. A me deluse molto la versione cinematografica de "il codice da vinci".
    Troppo veloce e senza suspance. Una cagata insomma.
    I film riescono spesso a deludere la storia che hai immaginato dentro la tua testa... e io ogni volta ci casco!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io ci casco sempre ma devo impormi di non andare più a vedere i film di libri che ho amato. L'unico che, forse, non mi ha deluso è La versione di Barney.

      Elimina
  7. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  8. Anch'io ormai mi rifiuto di vedere i film tratti dai libri.
    alcuni sono fedeli (per esempio Il cacciatore di aquiloni) ma non potranno mai dare le stesse emozioni che danno i libri :D

    RispondiElimina
  9. Più o meno cinque mesi fa ho visto uno speciale di una trasmissione di rai cinque dedicato a Faenza. Ogni tre parole l'intervistatore lo chiamava "maestro". Quando il "maestro" è andato a tenere una lezione alla scuola del cinema di Roma nessuno dei presenti ha saputo citare un suo film.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah! Io lo detesto solo per quello che ha fatto a questo libro.

      Elimina