venerdì 21 settembre 2012

Vado a vivere... Dove?

Prima che i miei genitori ristrutturassero casa, davanti alla porta della mia camera stava un'antica chaise longue appartenuta ai miei nonni.
Era un mobile assolutamente superfluo, da me utilizzato per riporre giornali e riviste che, altrimenti, avrebbero ingombrato la stanza già piena di libri, vestiti, scarpe e quant'altro.
Un gelido mattino d'inverno, mi svegliai come d'abitudine alle 6.50 (frequentavo ancora la terza media e come caspita ho fatto a svegliarmi per anni a quell'ora rimane un mistero insoluto), come d'abitudine vidi la luce penetrare dalla cucina, segno che madre e padre già stavano facendo colazione.
Qualcosa però non quadrava. Mancava... Cosa?
Mancava tutto ciò che in mesi e mesi avevo accumulato su quell'inutile mobile di cui nessuno si era mai preoccupato prima.
Corsa in cucina:
«Dove sono i giornali?»
Silenzio.
«Oh li avrete mica buttati??»
Panico.
«Diglielo tu» dice mia madre. Sbuffo di mio padre.
«Quel divanetto si stava sfondando»
«Cooooosaaaa???» E giù lacrime, singhiozzi disperati, e via di "E come vi siete permessi", "E dovevate chiedere", "E non capite niente", "Vi odio", "Non vedo l'ora di andarmene".
Quello fu il momento in cui decisi che, presto o tardi, avrei trovato un posto in cui accumulare felicemente materiale cartaceo, senza preoccuparmi di incursioni e razzie notturne a tradimento e, soprattutto, decisi che i miei genitori non avrebbero avuto una copia delle chiavi.
La
felicità.
Quel momento è arrivato, finalmente posso dire Anch'io sto cercando un monoloc!
Ed ecco che all'orizzonte già incombono nuvoloni densi di dubbi:
- Monoloc più piccolo, più costoso MA a due passi dal centro, tanto da potermi spostare in bici in tutta tranquillità
OPPURE
- Biloc più spazioso, disposto su due piani, meno caro MA disperso ai confini della città?

Banny, interpellato, dice solo: Sti cazzi. Se vede proprio che no è Roma.

Aiutatemi.

26 commenti:

  1. Regola fondamentale dell'andare a vivere da soli è NON dare le chiavi ai genitori!
    Io sono a favore del biloc disperso, ma forse non faccio testo perchè ho un problema col centro città e i monolocali

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io pure mi sono rifiutata anche solo di prendere in considerazione il centro storico! Uno è appena fuori il centro, l'altro già campagna. Mumble.

      Elimina
  2. Io invece preferisco quello più piccolo ma vicino al centro.
    non solo perchè essendo sola fa sempre comodo avere quasi tutto a portata di mano ma pensa alle conseguenze se avessi una casa più grande.
    Parenti e amici che ti vengono a trovare, che ti portano al punto di dire "Va beh... facciamo da me che c'è lo spazio"... ASSOLUTAMENTE NO! io lo dico sempre a mio padre che io avrò un buco di casa cosi nessuno verrà a rompermi le palle.
    poi è solo un consiglio.
    e si ti invidio un pò... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No be... Niente gente per casa, ho bisogno della mia Batcaverna in cui rifugiarmi in tutta sicurezza ;)

      Elimina
  3. biloc! ecchetelodicoaffà?
    non vorrai mica ridurti come me?

    RispondiElimina
  4. gesù, sono commosso: il pueblo dei monoloc si allarga. eppure, cara femmina omega, io ti consiglio il bilocale. non per sputare nel piatto dove mangio, ma ti assicuro che dopo qualche mese partono i primi attacchi di claustrofobia.
    facci sapere il responso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu sei il massimo esperto, nonché consulente di fiducia ;)

      Elimina
  5. Risposte
    1. Sì, dai, se è in centro hai tutto a portata di mano. Per la casa più grande e in periferia c'è tempo! ;)

      Elimina
  6. ma il monoloc quanto è più costoso? e il biloc quanto è disperso? ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. monoloc: 370 / dieci minuti di bici dal centro
      biloc: 250 / 15 minuti di macchina dal centro
      help, mi sto macerando nel dubbio

      Elimina
  7. Valuta una cosa..in centro con che frequenza dovresti andarci ? Il Biloc si trova in una zona con servizi dove comunque hai a portata di mano tutto ciò che ti serve ?? Io sono per gli spazi un po' più ampi..pensa anche al lato pratico della vita : libri, cd, giornali, vestiti, pentolame..insomma tutto..io sono per il BILOC..decisamente !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti mi sto muovendo inesorabilmente verso il biloc ;)

      Elimina
  8. Io sarei più propensa per il bilocale...sarà disperso, ma almeno hai più spazio! e noi donne necessitiamo di spiazio!Per andare in centro ci sono sempre le opzioni mezzi pubblici e/o macchina.

    RispondiElimina
  9. Scusa, ma non sei una giornalista? No, perchè un giornalista non avrebbe dubbi. Andrebbe a vivere nel posto più vicino alle notizie (Parma città), ma lo farebbe soprattutto perchè gli implica meno fatica, una mezz'ora abbondante di più di sonno (o colazione o preparativi), un tranquillo rientro, vita notturna dove tessere una fitta trama di relazioni e capire che aria tira, spese di benzina irrisorie. Se poi in città hai anche il posto macchina... non ci sono più dubbi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono giornalista sì... E infatti mi pagano ad articolo. Eh.

      Elimina
  10. Secondo me prima di tutto valuta quanto ti potrebbe pesare l'affitto e poi vai a pelle... perchè se una casa quando la vedi la senti tua, poi non ti pesa tanto il resto, come fare la spesa a 80 km o passare giorno e notte a pulirla.

    Io per come sono fatto andrei di monolocale in centro perchè stare ai confini dell'umanità mi lascia... pessimamente riflessivo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mia casetta ai confini dell'umanità è... bellissima. Sto seguendo i lavori e mi sono sentita a casa. Ho ancora due mesi per riflettere e poi vado! Ma sono più orientata per privilegiare lo spazio.

      Elimina
  11. Effettivamente l'immagine che hai postato è la felicità *A*

    RispondiElimina