domenica 11 novembre 2012

Le cose migliori della mia vita

Ego, pigrizia, analisi, introspezione... Questa mania delle classifiche è tutta colpa dei blogger e su di me ha attecchito alla grande.
Qualcuno, proprio ieri, mi ha fatto riflettere sulle cose migliori capitate nella propria vita, quelle cose tali per cui, al solo pensiero, ringraziamo qualche sconosciuta e magnanima divinità che ha concesso proprio a noi un minuto del suo tempo.
Ho sfruttato il volo di ritorno di stamattina per realizzare la mia top five, ordinandola non tanto in scala di importanza, quanto in base a una specie di ordine cronologico.

5. I miei genitori. Va da sé, sanno essere di una pesantezza inenarrabile, portatori di inutili preoccupazioni e fastidi rinnovati giorno dopo giorno, ma senza di loro non sarei nessuno.

4. La mia professoressa di Lettere delle medie. Perché lei mi ha insegnato tutto, ancora prima che io ne fossi consapevole. E perché c'è ancora.

3. Esser stata proprio là, proprio quel giorno, proprio in quel momento. Per puro caso incontrai una giornalista della mia prima redazione che, grazie al suggerimento del librario, mi invitò a propormi per una collaborazione vacante. E da allora non ho più smesso.

2. Aver detto no a un contratto a tempo indeterminato.

1. Il tramonto su Istanbul, visto dal mare.



18 commenti:

  1. ...bhè... in effetti questo tramonto toglie il fiato!
    :)
    emme

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E ti assicuro che dal vivo è da pure sindrome di Stendhal.

      Elimina
  2. la terza anche io.

    E per quanto riguarda la prima: beh, muori male.

    RispondiElimina
  3. io non la saprei mica fare una classifica così! comunque si, il tramonto è molto bello!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e pensa che fino a pochi minuti prima pioveva... l'audacia di stare all'aperto sul traghetto è stata premiata, nonostante sia costata un raffreddore :D

      Elimina
  4. originale, molto diversa da me. Le cose migliori della mia vita stanno quasi tutte dentro. Il tramonto è uno sfondo, il lavoro un male necessario. L'amore che ho dato, più di quello che ho ricevuto, i desideri prima che diventino realtà, e le nostalgie per le cose durate solo un istante. Belle o brutte, un istante è sempre troppo poco per qualsiasi cosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io più che altro a pensato a fattori determinanti per la mia crescita, senza i quali oggi non sarei così :)

      Elimina
  5. Gran bel lavoro ha fatto la tua prof!! Ma in che sezione eri alle medie?!?!

    RispondiElimina
  6. Dev'essere stato un bel viaggio, che figata!

    Al tuo punto 2, io ho detto "sì"... ed infatti non è nelle mie prime 5 cose migliori.
    E ho detto tutto. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo sia stato il viaggio migliore della mia vita, quello che mi ha dato di più.
      A un altro indeterminato però ho detto sì ;)

      Elimina
  7. Oddio. Adesso tocca farla pureammè. Cacchio.

    RispondiElimina
  8. mi aspettavo qualcosa su cremonini. delusione :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. aaah il mio Cesarone... Va bè che lo adoro ma finché non lo sposo non può essere una delle cose migliori della mia vita :)

      Elimina