domenica 23 dicembre 2012

Il Natale non ha l'oro in bocca

Il Natale è alle porte e io non mi sento affatto più buona. Anzi.

Mancano poche ore all'inizio dei miei tre giorni di ferie e il livello di sopportazione sta raggiungendo il limite estremo.
Ci sono innumerevoli cose che mi provocano un fastidio incontrollabile, a partire da quelle fottutissime lucine a ogni angolo della strada, proseguendo per la ressa nei negozi e le stucchevoli canzoni monotematiche.
L'obbligo di doversi per forza scambiare gli auguri perché è così che si deve fare tra adulti bene educati mi fa venire voglia di mettermi a urlare "Mi sono fatta sbattezzare esattamente tre anni fa. Risparmia il fiato per non andare in apnea quando sarai costretto a slacciarti i pantaloni dopo il pranzo del 25".
Ma c'è una cosa, una in particolare che mi manda veramente il cervello in corto circuito: il contatto ravvicinato con sconosciuti. Il gesto di dare la mano non lo nego a nessuno, anzi, ma i baci sulle guance no, per carità no.
E poi, signora vecchina tanto buona e gentile e che ogni volta ti complimenti per quanto sono cresciuta: cosa ti fa credere che io accetti il tuo pollice e il tuo indice sulla mia guancia? Dimmelo. Ho 25 anni e se un simile gesto mi stava sul cazzo a 4, non vedo perché debba farmi piacere adesso. Vorrei inoltre ricordarti che sono almeno 7 anni che se in me qualcosa deve crescere sono i capelli o il culo e nient'altro.
E poi, perché esistono persone che ancora si ostinano a rivolgere parola a due centimetri dalla faccia dell'interlocutore? Perché??
Sto diventando una sociopatica.
Vi prego regalatemi un'iniezione di Xanax.

8 commenti:

  1. Le vecchine stanno al mondo per questo:dirti che sei cresciuta e che sei bella e farti un buffetto sulla guancia :)C'è di peggio al mondo.
    Per quanto riguarda il Natale, frequentiamo la stessa parrocchia; non me ne fotte nulla. Però,almeno, sto a casa in ferie :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. beato te per le ferie! io sono già tornata al lavoro...

      Elimina
  2. Mi sento come te. Ogni anno. Per fortuna anche questo Natale è passato.

    RispondiElimina
  3. Che desolazione... O hai il cuore arido come il Sahara o hai avuto delusioni relazionali di proporzioni epiche!
    Pensa alla vecchina gentile con te, acida e cattiva. Chi è peggio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Accendo la seconda! Rimango comunque dell'idea che il natale non si addica a una acida cattiva come me ;)

      Elimina
  4. Il bello di una famiglia un po' antisociale di natura è che non ricordo pizzicotti sulle guance da secoli!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma il bello è che questa non è mia famigliare... T__T

      Elimina