giovedì 11 luglio 2013

Dieci motivi per leggere ora vi dico cosa

Vi ricordate quel giochino che lo scorso inverno aveva monopolizzato l'attenzione di molti utenti Facebook?
Era il "30 giorni di..." e quotidianamente bisognava inserire il riferimento a quel qualcosa.
Io avevo scelto 30 giorni di libri ma, come spesso mi succede, lo avevo piantato a metà per noia/mancanza di idee/briga.
Ieri, grazie anche alla preziosa collaborazione di un killer (che, secondo me, in questi giorni farebbe meglio a stare un po' all'ombra), ho deciso di riprendere le fila del tag 30 giorni di libri a cominciare da: 21) Un libro che ti ha consigliato una persona importante per te ma potrebbe anche essere 27) Un libro che vorresti aver scritto e, perché no, anche 30) Un libro che ti ha commosso e sicuramente 24) Il libro che ti ha fatto fuggire dal mondo.

Mentre decido a quale esatta categoria appartenga questo libro, posso almeno svelare titolo e autore: il giovanissimo Joël Dicker sta, giustamente, scalando le vette di tutte le classifiche mondiali con il suo La verità sul caso Harry Quebert.
Non basta, mi rendo conto, sbraitare ai quattro venti LEGGETELO e, purtroppo, non mi posso mettere in piazza Garibaldi a scuotere la gente intimando l'acquisto e/o la lettura di questo volume che, nonostante la stazza, va giù che è una bellezza. Meglio di uno spritz al tramonto.
Quello che posso fare, in effetti, è scegliere solo dieci motivi per cui vale la pena privarsi di quasi 20 euro e qualche ora di tempo libero.

DIECI MOTIVI PER CUI LEGGERE LA VERITÀ SUL CASO HARRY QUEBERT:

1) Perché è scritto bene e, dettaglio non trascurabile, è tradotto bene. Fluido, avvincente, tachicardico. Ti prende già alla prima pagina ed è fatta.
2) Perché è la perfetta fuga dalla realtà. Certo, una volta finito c'è la dolorosa sensazione di sentirsi perdutamente soli e abbandonati, ma è uno di quei rischi che il lettore di qualsiasi livello deve voler correre: nient'altro che un effetto collaterale che rende un libro indimenticabile.
3) Perché i personaggi sono umani, si svelano pagina dopo pagina e contribuiscono all'adrenalina della lettura. Pregi e difetti, forza e debolezza, sono delineati perfettamente nel carattere e nei comportamenti al punto da sembrare non solo reali, ma addirittura esistenti nella via dietro casa.
4) Perché il protagonista e voce narrante, Marcus Goldman, è il classico scapolo d'oro che fa pensare a tutte le galline del pianeta "Sono io quella giusta per te!". Toglietevelo dalla testa, sono io. Punto.
5) Perché l'avvocato Roth e l'editore regalano perle di cinismo che neanche Dr. House. Alcune, per chi ama il genere, suscitano risa incontrollabili.
6) Perché non è solo un giallo, è un gioco di scatole cinesi, di storie dentro la storia, di conferme e smentite che tengono incollati gli occhi al libro anche durante la pausa pipì.
7) Perché concentra in sé riferimenti ad alcuni capolavori della storia mondiale della letteratura, del cinema e della televisione: La macchia umana, I peccati di Peyton Place, Lolita, Twin Peaks, Scoprendo Forrester solo per citarne alcuni.
8) Perché  l'autore è giovane, bravo, figo e si merita di continuare a fare lo scrittore per il resto della vita: dategli da magnà.
9) Perché è di più. È una lezione di vita. È un'esortazione alla buona scrittura. Come resistere?
10) Perché perché perché... Ve lo dico io: leggere un buon libro non fa mai male.

Se invece volete 10 motivi per NON leggere La verità sul caso Harry Quebert, leggete QUI.



10 commenti:

  1. Come ho già scritto dal killer, ne ho letto bene un po' ovunque.
    E, nonostante io tenda a stare lontana dai "best-seller" e le 800 pagine mi mettono sempre un po' di timore, temo che finirò per cedere.

    e, mi ripeto, bella questa accoppiata! :)

    RispondiElimina
  2. @poison: cedi cedi! grazie per i complimenti all'accoppiata, soprattutto perchè avevo un timore reverenziale nei confronti del Killer :D
    @charlie: FIDATI E CORRI IN LIBRERIA!

    RispondiElimina
  3. letto [ed adorato] in tre giorni secchi e gnecchi...
    e che colpo di scena materno...

    RispondiElimina
  4. comprato alla expert e pagato 16,57 :-)
    adesso finisco quello che sto leggendo e poi parto alla carica ;-)

    RispondiElimina
  5. Lo leggerò o non lo leggerò ???? Ehehehehehe....mistero della fede ;)
    ( ma quale fede ??? :D )

    RispondiElimina
  6. Ciao, sono Joel Dicker : mi dai il tuo numero di conto corrente che ti faccio il bonifico ? :)
    Grande post ! :)

    RispondiElimina
  7. @patalice: tu sì che mi puoi capire ;)
    @charlie: fammi sapere!
    @mary: fammi sapere pure tu ;)
    @black: ciao caro... ;)

    RispondiElimina
  8. Letto :-)
    Piaciuto molto :-)
    solo una domanda...

    e ora?

    RispondiElimina