giovedì 25 luglio 2013

L'annoso problema dei vicini di casa

Non sono fortunata, con i vicini di casa.
Mai avuto la fortuna di intrecciare quei simpaticissimi rapporti di amicizia che fanno subito telefilm di qualsivoglia nazionalità. No.
Venendo ad abitare in un mini condominio interamente abitato da studenti e giovani coppie, ero convinta che quest'estate ci aspettassero entusiasmanti grigliate in cortile, cene, birre, pizzate.
No.
In compenso, non avendo più la televisione, colmo la brama di telefilm con quotidiani episodi di violenti litigi nella casa di fronte: la finestra della mia camera affaccia sul cortile di una bifamigliare abitata da nonni, figli e nipoti PERENNEMENTE IN LOTTA TRA LORO. Un Games of Throne che ogni giorno scatena minuti di pura angoscia in un tranquillo quartiere residenziale della Pianura Padana, degli Olindi e Rose Bazzi in erba (ahahahahah la smetto).
I motivi ancora non li ho capiti ma i momenti più esilaranti vengono raggiunti quando la figlia adolescente impazzisce e puntualmente minaccia di scappare di casa.
Ma è a casa dei miei che, tra passato e presente, posso annoverare soprattutto cinque casi da evitare quando ci si sobbarca la responsabilità di cambiare casa:
1) Mia nonna, che è il demonio. Mia nonna è nata nello stesso anno della regina Elisabetta: stessa tempra, stesso amorevole sorriso rassicurante, stesso affetto nei confronti dei congiunti acquisiti e non. E, se potesse, assumerebbe un nugolo di guardie a difendere la sua parte di giardino dalle insistenti attenzioni dei gatti che ancora non hanno fiutato il pericolo di venir messi in padella.
2) Da qualche anno l'appartamento sopra quello dei miei è abitato da un tamarro di proporzioni epiche: alto come un nano da giardino, emulo di Bono Vox, amante della canzone neo melodica, colleziona fidanzate provenienti da remoti stati dell'Est Europa e relativa prole, generata da lui o da altri che son passati prima.
Al momento, con lui vive una povera disgraziata attirata con l'inganno grazie a qualche chat di dubbio gusto. Hanno generato la bambina più carina e fastidiosa di tutto il quartiere.
3) Dirimpettaio famoso fino a non molto tempo fa fu invece un aitante 70enne con il vizio di fumare sul balcone nudo, mettendo in mostra ogni cosa che la natura avvizzisce.
4) Altro dirimpettaio è un tizio di cui non è dato sapere il vero nome. E' però soprannominato Spongebob grazie alla collezione di T-shirt che è solito indossare in estate. Finge di essere zoppo, suona i citofoni altrui in cerca di prestiti e fa l'autostop venendo regolarmente ignorato.
5) The last but not the least: lei, un evergreen di qualunque strada, vicolo, borgo che si rispetti. La temutissima PETTEGOLA. Quella che SA SEMPRE quello che stai facendo. Controlla gli orari di tutti, assimila le abitudini, apprende parentele, amicizie, relazioni e tradimenti e LO DICE AGLI ALTRI.
Ecco, a indirizzo di costei, ho prodotto tanti di quei diti medi da averne perso il conto. Eppure continua a salutarmi garrula sventolando il cotechino inanellato che ha al posto delle mani.

PS: Mentre scrivo, uno dei figli adolescenti della bifamigliare viene gentilmente invitato da un congiunto a passare il resto dell'estate a cagare sulle ortiche. Devo utilizzare più spesso anch'io questo invito.

7 commenti:

  1. annata interessante quella di tua nonna...

    RispondiElimina
  2. Mioddio se ti adoro, a te.

    RispondiElimina
  3. Cagare sulle ortiche sarà un po' come cagare su un campo di carciofi ??? ;)

    RispondiElimina
  4. "va a cagare sulle ortiche" è un'espressione che uso spesso. ma - giuro - non sono la tua vicina di casa. Credo.

    ma com'è che un nano da giardino riesce a collezionare fidanzate? ;)

    RispondiElimina
  5. Vai a cagare sulle ortiche è un'ospressione della quale non ero ancora a conoscenza. Ti sono grata per la dose di cultura odierna! :D

    RispondiElimina
  6. Quando abitavo nella vecchia casa noi assistevamo a liti per strada da uomini (???) con tanto di mazze e coltelli. Non ti dico il sangue.
    Adesso mi tocca assistere da lontano a scene di ubriaconi o alla lite funesta di piccoli ragazzini innamorati ....

    RispondiElimina
  7. @patalice: dovresti conoscerla per farti una vaga idea...
    @ade: SMACK :*
    @mary: stessa situazione :D
    @poison: uomo dal fascino mooolto tenebroso...
    @miscuglio: è un piacere ;)
    @cristina: sei pure più fortunata di me!

    RispondiElimina