martedì 9 settembre 2014

Non accendere quel Kindle

La poca credibilità che mi era rimasta la perderò senz'altro nelle righe che seguono.

Perché va bene che a 27 anni ancora non ho un lavoro serio, non ho un marito, non ho un mutuo e non ho nemmeno la più vaga idea di cosa comporti essere stabili, va bene che corro facendomi lanciare addosso della polvere colorata, va bene che ho un debole per le commedie francesi e i teen movie anni '80, però quello che sto per rivelare va oltre ogni ammissione di deficienza mai raggiunta prima.

Quest'estate ho letto veramente una carriolata di libri e per questo dovrei solo congratularmi con me stessa (ma prima di far partire le pacche sulle spalle aspettate di arrivare in fondo a questo post).
Merito soprattutto del Kindle, questo meraviglioso dispositivo tecnologico che permette di acquistare libri standosene comodamente con il culo a letto/sul divano/in spiaggia/sul water. Basta avere una connessione wi-fi decente e una prepagata con qualche euro disponibile (o, se siete ricchi, una carta di credito a disponibilità illimitata).
Io sono una fanatica del Kindle. Per quanto ami profondamente le librerie, l'odore della carta e la stessa consistenza solida e flessibile dei libri fisici, non riesco proprio a celare l'entusiasmo per la rivoluzione digitale che ti consente di avere in pochissimo spazio (e a minor prezzo) tutti i testi su cui il tuo ditino clicca ACQUISTA.
Ma c'è anche un altro valido motivo per cui vale la pena farsi un Kindle per amico: la privacy.
Mi spiego: eccezione fatta per le custodie che ognuno compra a seconda del proprio gusto, il Kindle è uguale per tutti. E dietro questo anonimato è possibile nascondere le peggio nefandezze che le case editrici italiane mettono in commercio.
Una sorta di deepweb della produzione letteraria: a meno che qualcuno non abbia libero accesso ai vostri cloud, nessuno mai potrà sapere qual è la lettura che vi tiene avvinghiati allo schermo.

E quindi, se la scorsa estate mi sono avventurata nella lettura del libro proibito giurando a me stessa che mai e poi mai avrei buttato altro tempo prezioso in simili cazzate, non era pressoché inevitabile che l'estate 2014 fosse consacrata a loro, la collana letteraria più longeva di sempre, quella che non conosce crisi e, anzi, non ha fatto che crescere dagli anni '70 a oggi, quella che ha dato origine a tutti i mali del pianeta? Sì, quei libri che tutti fissano e nessuno ha il coraggio di comprare, quelli che TUTTE, e anzi dico TUTTI, hanno la curiosità di sapere cosa celino dietro quella grafica di copertina che più allusiva non si può.

Sì.
Loro.
GLI HARMONY


Avete sentito bene invece.
L'ho fatto. 
Ero lì, in Versilia, con il mare di un colore diametralmente opposto all'azzurro e pochissimi euri residui sulla postepay e allora DAI, compriamolo 'sto Harmony serie passion a 1 euro e 99 centesimi che mi tolgo la curiosità una volta per tutte. 
EBBENE:

1) Gli Harmony sono boiate. Tutti. Sono assurdi. 

2) Gli Harmony sono scritti male, con una trama che segue perennemente le stesse dinamiche senza uno straccio di variazione o colpo di scena, con un linguaggio ridondante e personaggi più cretini di tutti i seguaci di Scientology messi insieme.

3) Gli Harmony contengono paragrafi come questo:
"...Janet meritava una razione extra di tenerezze, che fosse pronta ad ammetterlo o no. 
(Aspetta. Cosa?)
E Gage avrebbe tanto voluto essere lui a farsene carico. Se solo avesse potuto.
Se solo lei fosse stata davvero la sua donna l'avrebbe coccolata con bagni caldi la sera (Chi cazzo la pulisce poi la vasca, cretino?), strofinandole delicatamente la pelle tra le bollicine con un buon sapone profumato (Per gli uomini ha un buon profumo anche il Pino Silvestre quindi butta un occhio al bagnoschiuma prima che sia troppo tardi, cara Janet, giusto per accertarti di non uscire dalla vasca al gusto di adolescente all'autoscontro nel dì di festa). 
Poi l'avrebbe asciugata dolcemente con una salvietta tiepida (Ma intiepidita dove e soprattutto come? Io una volta ho provato ad asciugare una maglietta ancora umida in microonde ma ti posso assicurare che non è stata una buona idea), e le avrebbe cosparso il corpo di crema (Dai eh. Che gli uomini hanno la stessa reazione di fronte alle creme di un gatto lanciato in acqua).
L'avrebbe sorpresa ogni giorno con un piccolo dono (Se abbassi la tavoletta è già un grande dono), un mazzo di fiori di campo (Di quale campo santa miseria che il libro è ambientato a HOUSTON TEXAS???), un biglietto infilato nella sua ventiquattrore, o un cioccolatino sul cuscino (E intanto ancora nessuno ha detto chi laverà la vasca).
Se avesse preso l'influenza si sarebbe preso cura di lei, le avrebbe preparato il brodo e le avrebbe sistemato i cuscini dietro la schiena (Così vi scambierete i germi e sarà l'inizio della fine. Perché sappiamo tutte che un uomo è meraviglioso finché non si ammala e ha il potere di trasformare Candy Candy in Renata Cianciulli). Le avrebbe fatto succhiare dei cubetti di ghiaccio (Questa è fin troppo facile, mi astengo) per calmarle la febbre, avrebbe comprato lo sciroppo più dolce (Basta una tachipirina, vai tranqui) e i fazzoletti più morbidi. Le avrebbe massaggiato i piedi dopo una dura giornata di lavoro e l'avrebbe aiutata a cucinare, oppure sarebbe uscito per comprarle i suoi manicaretti preferiti (Stiamo degenerando e sfociando inesorabilmente nel genere fantasy).

4) Gli Harmony creano dipendenza.

Io ho dovuto smettere solo perché le mie amiche si sono dichiarate preoccupate per la mia salute mentale ma se ora mi dite che non siete curiosi di sapere come va a finire la vicenda urlo allo scandalo e al vilipendio.


19 commenti:

  1. Anch'io sono Kindle dipendente, ma gli Harmony ti prego no!! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh eh. come fai a resistere alla tentazione ora che te ne ho parlato??

      Elimina
  2. Sei un mito. Sei uno dei pochi motivi per cui amo blogger XD

    RispondiElimina
  3. Io, con grande vergogna, confesso di leggere i libri della Lokko. Non siamo tanto distanti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io della Lokko ne ho letto solo uno un sacco di tempo fa ma ti posso assicurare che hanno molta più classe!

      Elimina
  4. Applauso per il coraggio. Confessione non da poco la tua! ;-)
    A parte gli scherzi, dai che lo abbiamo fatto tutti una volta nella vita.. pure due volte.
    Io ne avevo trovati una caterva in una casa vacanze, avevo tipo 12 anni. Ciao.. li ho divorati facendomi una cultura sul sesso finto romantico un po' trasgressivo ma non troppo, che ancora forse mi travia.
    Mi sembri mio marito, che al mare, tolti gli abiti da commercialista, ama vegetare guardando culi sulle riviste tipo "Chi", ma si vergogna ad andare in edicola, e manda me. Vigliacco!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahaha GRANDISSIMO! Vedi? Nessuno è immune al potere del trash ;)

      Elimina
  5. Sto ridendo da sola come una cretina, te lo giuro. Mitica!

    e le avrebbe cosparso il corpo di cremAAAAAAAAAAAAAAAAAAHAHAHAHAHAHAHAHAH! Dai, non la metto nemmeno da sola!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Be la crema effettivamente è uno dei momenti top cretinaggine :D

      Elimina
  6. Ahahahahah ! Ho le lacrime..sto ridendo da 15 minuti ! Tu sei un mito ! Non ne ho mai letto uno...quasi quasi..ce provo :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai dai dai! Ti aspetto al varco ;) e cmq grazie, troppo gentile!

      Elimina
  7. Sono dell'idea che chi dice di non aver mai letto in vita sua un libro improponibile (definizione che non contiene soltanto Harmony) stia mentendo. SPUDORATAMENTE.
    Il trash non ha pregiudizi, ama tutti!

    (Ah, ma se nessuno laverà la vasca, il cioccolato sciolto sul cuscino che fine farà?)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Al cioccolato sciolto sul cuscino NON AVEVO PENSATO. Vedi? Tra casalinghe maniache del pulito ci si riconosce subito ;)

      Elimina
  8. Io sono andata oltre...ho scoperto il kindle ereditando quello vecchio di mia sorella. Per cui, non solo non ho dovuto alzare il culo dalla sdraio, ma non ho dovuto nemmeno sforzarmi di ricordarmi il pin della prepagata- e fare il calcolo di quanti soldi c'erano. Inoltre, c'erano le "peggio nefandezze" già acquistate.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. nefandezze tipo?? ora non puoi lasciarmi con la curiosità! :D

      Elimina
  9. uomini e crema?? anche no.
    mi sono fatta spalmare quella solare da mio fratello e sembrava che mi stesse schiaffeggiando la schiena..non sono capaci. punto. delicati come elefanti...mmmbah!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. uomini e crema, un binomio sconosciuto. e infatti solo negli harmony!

      Elimina