venerdì 5 dicembre 2014

Caro Babbo Natale 2014 edition

Ridiamo scherziamo e non ci pensiamo ma lo sbattimento del Natale è dietro l'angolo, le lucine ci assediano e tra noi è ripiombata quella tipica mestizia di chi vorrebbe, vorrebbe proprio, gioire di tutti questi festosi preparativi ma no, non ce la facciamo.
Per noi cronici malinconici carlini dal muso schiacciato è iniziato il periodo dell'anno in cui sentiamo forte il bisogno di:
- usare un linguaggio scurrile e blasfemo
- guardare continuamente film di Woody Allen
- iniziare a cibarsi esclusivamente di pizza, birra e panettone con le gocce di cioccolato
- morire, dormire, nulla più.

E quindi, puntuale come il brufolo che compare sul mento un attimo prima del colloquio della vita, ecco qui la mia letterina di Natale, che anche se ai miracoli non ci credo più, il vero miracolo è quanto mi faccia bene scrivere che ai miracoli ci credo ancora. Per poco.

Caro Babbo Natale,
è vero che sogno carriolate di borse, scarpe, cappotti e soffici maglioni in cachemire. Ma no, non è quello che voglio.
Quest'anno non ho capricci da esaudire, non mi aspetto luccicanti pacchetti da aprire, nemmeno un nuovo fidanzato con le fattezze di Lannick Gautry.

Io questa volta voglio esagerare, ti chiedo di impegnare tutta la tua magica potenza e di farla confluire per infondermi tutta la saggezza che mi è mancata nel 2014.
Babbo Natale, pliiiis:

- fammi capire cosa voglio fare da grande, illuminami la via
- fammi capire come impiegare al meglio la mia frizzante intelligenza e la mia inesauribile creatività
- fammi capire come si fa a far diventare la frittata spessa
- fammi fare le scelte giuste 
- fammi imparare a parcheggiare a S a sinistra
- fammi smettere con questa impulsività violenta
- fammi diventare un'adulta che ha trovato il posto nel mondo
- fammi diventare un'adulta senza sindrome premestruale
- fammi dire basta alla mia eterna e perenne inquietudine 
- fammi dire basta alle figure di merda
- fammi dire basta anche agli uomini che vanno bene solo per essere ridicolizzati su questo blog.

Grazie Babbino, al resto ci penso io.


15 commenti:

  1. Fammi sapere se risolvi inquietudine, impulsività e posto nel mondo così, magari, il prossimo anno glielo chiedo anche io. O provo a gennaio con la Befana.

    Oh comunque è vero che sembriamo dei carlini!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero? Più li guardo e più sono convinta di assomigliare al più goffo di loro.

      Elimina
  2. Un po 'di otimismo e riuscirai a far tutto :-) tempo al tempo :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne sono convinta anch'io :) grazie nel frattempo.

      Elimina
  3. Aspetto che babbo passi anche a da me.

    RispondiElimina
  4. ahahahahahahahahahaha.

    *A' Babbo, passa anche da me poi che te devo parlare..*

    RispondiElimina
  5. Forse solo Babbo Natale potrebbe qualcosa contro la sindrome PM... se ti esaudisce, avvisami! ;)

    RispondiElimina