martedì 27 maggio 2014

Quattro cose da sapere meanwhile

1. A Ginevra la polizia ti sta addosso. Sempre.
2. Zurigo è insospettabilmente la città più truzza d'Europa.
3. Le persone pesanti nascono ovunque ma l'Italia detiene il record assoluto.
4. Montecarlo durante il Gran Premio è il posto migliore in cui compiere ventisette anni.

PS: Credo che sposerò un australiano. Ho deciso che un australiano è quello che ci vuole.


sabato 10 maggio 2014

Goodbye for a while

Che io sia biecamente campanilista nei confronti della mia regione/provincia/città non è mai stato un mistero.
E che io lo sia anche e soprattutto per motivi legati alle nostre tradizioni culinarie lo è ancora meno, specialmente a scapito dei nostri vicini di casa lombardi che in questi giorni hanno ben altri problemi legati, sì, al magna magna ma non necessariamente in cucina.
Ebbene, dove mai potevo finire a lavorare per i quattro giorni di Cibus che hanno mobilitato Parma questa settimana se non allo stand di un salumificio lombardo?
Cioè.
Io. Emiliana. Parmigiana, please. Con una madre ristoratrice.
A lavorare.
Per un salumificio lombardo.
Really?
Così imparo a stare zitta.

Comunque, questo è solo un pessimo pretesto per iniziare un post che non sapevo come iniziare.
Non è un addio, perché ho ancora tantissime cazzate da mettere nero su bianco.
(E infatti spero di avere il tempo per onorare una promessa fatta alla Folle qualche tempo fa).

Vi ricordate il lavoro fichissimo che mi fece desistere dall'espatrio?
Ecco, in effetti sono loro a farmi espatriare ed è per merito loro che fino a giugno sarò in tour con i piloti tra Ginevra, Zurigo, Montecarlo e Firenze. 
Ero al Cibus quando ho ricevuto la comunicazione ufficiale della partenza, fissata per mercoledì. Alla fine, il salumificio lombardo mi ha portato fortuna. Ironia della sorte.
Non posso e non voglio nascondere il fatto che negli ultimi tempi la mia passione per il giornalismo stia vacillando, problema a cui si sono sommate alcune delusioni che rendono il futuro di una 26enne agli sgoccioli quanto mai incerto.
Non posso, non riesco, a nascondere di essere ora veramente felice ed euforica perché desideravo da tanto tempo un'occasione che mi portasse lontano dall'Italia e dalla mia città da cui, per quanto io la ami, ho bisogno di allontanarmi e poi tornare per amarla ancora di più.

Sono stata molto goffa, lo so, ma sono le uniche frasi che sono riuscita a mettere insieme per dire Arrivederci e Grazie.
Voi scrivete che io vi leggerò.
Poi tornerò a scrivere.