martedì 19 maggio 2015

Sparkle che carineria

Eccomi di ritorno, in via eccezionale o forse no, perché stare senza scrivere non ci riesco e infatti sono stata coinvolta dalla redazione del mensile online Sparkle (nella persona della mia very special amica Francesca) per partecipare al progetto #STAYSPARKLE.

Sarebbe?
Raccontare, con una breve, o lunga, lista quali sono le cose grandi o piccole che rendono la tua vita più luminosa e brillante: un mazzo di peonie da un ammiratore sconosciuto, il 30 in statistica all'università, il sorriso senza denti della nonna che ami, la tua fossetta sul mento, scattare fotografie di tramonti o tutto quello che ti viene in mente.

Ecco cosa è venuto in mente a me:

Luminosa e brillante non sono certo gli aggettivi che userei per definire la mia vita. Se la dovessi descrivere in poche parole userei una citazione della mia scrittrice italiana preferita, Stefania Bertola: "Una vita precaria e senza marito".
Ed essendo la mia una vita perennemente in bilico tra disagi economici, sentimentali e interiori, queste sono le cose che mi rendono tutto più facile:
- I libri di Stefania Bertola, appunto. Da leggere senza moderazione in ogni momento di pessimo umore.
- Andare al cinema. Estate e inverno, non importa. Adoro l'odore delle sale di proiezione, l'attesa e la trepidazione mentre si acquista il biglietto, le pubblicità e i trailer che anticipano il film.
- Le patatine fritte. Non sono nata con il metabolismo che mi permette di mangiarne manate ogni giorno ma resto dell'idea che rinunciare alle patatine fritte con la senape sarebbe un insulto a una delle cose migliori partorite dall'uomo.
- Il filadelfo. Che non è una crema spalmabile taroccata del discount ma una pianta con relativo fiore, il mio preferito: cresce a cespugli rampicanti, fiorisce a maggio, profuma di nespole.
- E poi ci sono la bicicletta e la musica: li ho messi insieme perché per me sono un'accoppiata vincente e indivisibile. Attraversare la mia città in bicicletta ascoltando la mia playlist o Radio Deejay fa bene all'umore, alle calorie e all'autostima (Vi siete mai specchiate nelle vetrine con i capelli al vento? Ecco).

E anche la mia collezione di magliette a righe bianche e blu.


Nessun commento:

Posta un commento